16
Mar
2018

L’alba: un istante tra sogno e poesia

L’alba, i prati addormentati nel respiro del fiume, l’aria fredda che imprigiona il tempo. Da qualche parte, in nessun punto preciso e tutt’intorno a me, il branco di daini è una piuma che solletica la terra; è sogno, utopia, miraggio, cattedrale di vita. Li cerco dentro e fuori di me, e ogni fibra del mio corpo si fa foglia, sasso e spicchio di cielo. È questo il momento più bello, cullato nel piacere dell’attesa cammino e cammino, svuoto la mente mentre il dono del presente imbriglia il pensiero, il cuore rimbalza nel petto, l’istinto fruga tra gli alberi, e non c’è altro frammento di universo in cui vorrei trovarmi.

Ti potrebbe interessare anche

“Speriamo non finisca mai l’inverno…”
Il nostro primo inverno sull’Appennino
Caprioli al tramonto
Una timida capriola
Tracce nella neve – soluzioni!
Tracce nella neve

Lascia un commento